TUTTO ESAURITO PER VALERIO LUNDINI AL TEATRO DI CIRELLA

Share on Facebook Share on Linkedin Share on Google+
13/08/2021
399 visualizzazioni

Altra serata da incorniciare con il sold out di Valerio Lundini a Diamante, quarto appuntamento di Fatti di Musica 2021, 35esima edizione dello storico Festival-Premio del Miglior Live d’Autore ideato e diretto da Ruggero Pegna.

Il trentacinquenne attore comico, conduttore televisivo e musicista, ha fatto registrare un “tutto esaurito d’altri tempi”, come lo ha definito lo stesso Pegna, particolarmente soddisfatto per l’età media del pubblico: “Quando ho visto i report della prevendita, con un immediato exploit proprio di Lundini, rispetto ad altri nomi storici della musica e dello spettacolo, ho atteso di guardare fisicamente questo pubblico, anche perché in Calabria i nuovi fenomeni arrivano normalmente in ritardo. La sorpresa è stata  nel vedere una fila interminabile di giovani tra i 18 e 35 anni, peraltro tutti correttamente muniti di green pass. Un evento che ha dimostrato l’evoluzione generazionale dello spettacolo di qualità, dello stesso pubblico e delle formule anche social per comunicare e avere successo. Sono stato felice di premiare Lundini, perché è realmente un artista straordinario, innovativo, dalla creatività e comicità apparentemente surreali ma irresistibili. Quando l’ho visto per la prima volta in tv, stentavo a credere che fosse vero!”.

Valerio Lundini, che ha ricevuto a Cirella il “Riccio d’Argento” del maestro orafo Gerardo Sacco, oscar del live, nella sezione riservata ai “Personaggi Televisivi dell’Anno”, ha presentato in prima assoluta e unica tappa in Calabria “Il mansplaining spiegato a mia figlia.

Uno spettacolo imprevedibile che si è confermato puro divertimento per circa due ore, durante le quali il poliedrico conduttore di “La pezza di Lundini” su Rai 2, ha raccolto risate e applausi a scena aperta, fino ad una lunga standing ovation finale, con inevitabile attesa per autografi e foto.

Oltre al successo del suo programma assolutamente insolito e originale, Lundini ha sorpreso il pubblico televisivo anche all’ultimo Festival di Sanremo, dove è stato ospite insieme a Roy Paci per la serata cover a fianco di Fulminacci con il brano “Penso positivo” di Jovanotti. Lundini ha da poco pubblicato pure “Era meglio il libro”, la sua prima opera letteraria, confermando di essere un personaggio completo e geniale. Durante l’irresistibile spettacolo si è avvalso di un pianoforte, da buon musicista qual è (peraltro leader della band Lundini e i VazzaNikki), e di un megaschermo Led su cui sono state trasmesse immagini commentate in diretta e sono stati simulati collegamenti con strani inviati in sconosciute parti del mondo a commentare improbabili fatti di cronaca.

Il pezzo finale ispirato al musical “Grease” è stato un’autentica prova d’attore di eccezionale bravura e inventiva, una vera performance di grandissimo teatro comico, nuovo e sorprendente per la somma di cifre recitative sfoderate insieme, davanti ad un pubblico catturato e divertito.

Da sottolineare che Lundini ha tenuto lo spettacolo nonostante un piede ingessato per un infortunio che lo costringerà per qualche giorno ancora a stampelle e sedia a rotelle. Prodotto da Luigi Vignando, probabilmente lo spettacolo tornerà in Calabria nel festival di Ruggero Pegna anche questo inverno per un’unica data teatrale.

“Non vedevo il teatro dei Ruderi così gremito da tempo ed è stato bello riempirlo con uno spettacolo inedito, nello  stile di un festival che per primo ha presentato al pubblico il meglio dello spettacolo musicale d’autore italiano  – ha affermato Pegna - Questo teatro è una perla, come le altre location che scelgo per il mio festival. La Calabria ha un patrimonio enorme di beni paesaggistici e culturali, ma è necessario sostenere progetti ambiziosi e di reale interesse per il grande pubblico e i media, come il mio festival, autentico oscar dello spettacolo d’autore dal vivo!”.

Photo Gallery
Commenti