BAGNARA: PREMIATI IL PARTO E ROSA MARTIRANO

Share on Facebook Share on Linkedin Share on Google+
11/10/2010
1034 visualizzazioni
BAGNARA: PREMIATI IL PARTO DELLE NUVOLE PESANTI E ROSA MARTIRANO CHE DEDICA IL SUO PREMIO AL PIANISTA PIERO CUSATO, DA POCO SCOMPARSO.
Applausi e riconoscimenti per alcuni straordinari talenti musicali calabresi al ?Premio Civiltą del Mare? di Bagnara Calabra, l?ormai tradizionale evento del Patron Nino Romeo, giunto alla XX edizione. Nella cittą che ha dato i natali a Mia Martini e Loredana Bertč, dopo la finale del Premio Mia Martini di sabato scorso, ieri sera riflettori accesi su nuove eccezionali espressioni artistiche di questa regione che si stanno imponendo all?attenzione del pubblico e della critica. La band del Parto delle Nuvole Pesanti e la cantante cosentina Rosa Martirano sono stati premiati, infatti, nel corso della serata ripresa e trasmessa in tutto il mondo da Rai International. Il Parto delle Nuvole Pesanti, band calabrese composta da Salvo De Siena, Mimmo Crudo e Amerigo Sirianni, accompagnati dalla violinista ungherese Zita, ha offerto un assaggio dell?altissimo spessore artistico e musicale dell?ultimo splendido album ?Magnagrecia?, un progetto che fonde pił stili e generi, dall?etnico al rock, con due brani che hanno entusiasmato il numeroso pubblico: ?Uomini Viaggianti? e ?Magnagrecia?. Durante i due brani eseguiti dal vivo, sono state anche trasmesse sul grande schermo le immagini del cortometraggio che accompagna il progetto, registrato durante il recente tour europeo dell?originalissima band. Queste le motivazioni della giuria per l?assegnazione del premio consegnato da Franco Donato, segretario generale dell? A.F.I., associazione fonografici italiani: ?Al Parto delle Nuvole Pesanti, per avere saputo coniugare la musica popolare con il rock e la canzone d“autore, il dialetto calabrese con l“italiano e le altre lingue straniere, miscelando il tutto in maniera innovativa. Per avere fatto dialogare la musica con il cinema, il teatro e le altri espressioni artistiche. Per avere fatto conoscere la cultura calabrese fondendo contenuti sociali e poetici. Per avere portato in giro per il mondo un canto di pace.? Strepitoso successo anche per Rosa Martirano che, accompagnata al pianoforte dal maestro Roberto Musolino, ha cantato una sua inedita e raffinatissima versione della ?Calabrisella?, il pezzo folk pił noto della tradizione calabrese, riarrangiato in una nuova chiave stilistica, in linea con le sonoritą dell?artista cosentina che, da poco, ha pubblicato il suo nuovo album ?Unpojazz?. Un?esecuzione emozionante e coinvolgente che ha confermato tutte le grandi doti artistiche di questo autentico talento calabrese. Al termine, anche per lei, sono arrivati scroscianti applausi e la consegna del Premio Civiltą del Mare da parte del promoter Ruggero Pegna, consigliere nazionale di Assomusica, associazione degli organizzatori e produttori di spettacoli musicali dal vivo. La Martirano, visibilmente commossa, ha voluto dedicare il premio al pianista calabrese Piero Cusato, con cui ha spesso collaborato, improvvisamente e prematuramente scomparso nei giorni scorsi. Altrettanto significativa e rappresentativa di una nuova Calabria musicale, talentuosa, colta ed elegante, anche la motivazione del premio a Rosa Martirano: ?Interprete raffinata capace di spaziare tra il jazz e la musica popolare, la bossanova e la musica tradizionale argentina, il pop e addirittura la dance, con successi distribuiti in tutto il mondo, come You stole my heartbeat. La sua incredibile versatilitą stilistica le ha consentito di collaborare con Claudio Baglioni, Toost Thielemans, Karl Potter, Paolo Damiani, Roberto Taufic e numerosi altri artisti italiani e internazionali. Apprezzata e sensibile compositrice e autrice, ha anche scritto un pezzo in gara al prossimo Zecchino d“oro 2010. Talento straordinario e voce inconfondibile.? Il promoter Ruggero Pegna, ringraziando la Cittą di Bagnara per aver regalato alla musica italiana due delle sue pił straordinarie interpreti come le sorelle Bertč, ha affermato: ?Questi musicisti sono il simbolo di una nuova immagine della Calabria e la massima espressione di capacitą artistiche di caratura internazionale, espresse con classe fuori da stereotipi e anacronismi.?
Commenti