ENZO IACCHETTI BRAVO, DIVERTENTE E RAFFINATO

Share on Facebook Share on Linkedin Share on Google+
16/01/2010
1133 visualizzazioni
Grande successo per uno degli appuntamenti più attesi di ?Fatti di Musica Radio Juke Box 2010? e ?Lamezia d?Autore?: l?anteprima assoluta per il pubblico calabrese del nuovo spettacolo di Enzo Iacchetti, il popolarissimo conduttore di "Striscia la notizia", dal titolo ?Chiedo scusa al signor Gaber?. Uno spettacolo divertente, elegante e raffinato, straordinario omaggio di Enzo Iacchetti a uno dei nomi storici della canzone d?autore italiana, autentica perla di questa ventiquattresima edizione della rassegna del miglior live d?autore ideata e diretta da Ruggero Pegna. Il celebre attore comico e musicista ha tenuto il suo spettacolo al Teatro Grandinetti di Lamezia Teme accompagnato dalla Witz Orchestra e dal pianista Marcello Franzoso. Una serata all?insegna del canto e del divertimento, con l?intento perfettamente riuscito ?di far sì che chi conosce Gaber non lo dimentichi mai, e chi non lo conosce possa sapere quanto fosse bravo, inimitabile e irraggiungibile?, come ha commentato lo stesso artista. Giudizio ribadito dal promoter Ruggero Pegna che a fine spettacolo, insieme al sindaco Gianni Speranza, tra gli applausi ha premiato Iacchetti con il "Riccio d´Argento" del celebre orafo Gerardo Sacco, oscar ai migliori live d´autore italiani. Enzo Iacchetti da sempre, oltre che amico personale, grandissimo estimatore dell?opera gaberiana, ha presentato uno spettacolo arricchito da un prezioso gioco di luci e da una perfetta regia. Bravissimi anche i musicisti, Franzoso e la singolare famiglia Witz, padre, mamma e figlio, divertiti e divertenti nell?accompagnare un Iacchetti in grande forma, capace di coinvolgere ed emozionare. L?artista cremonese, impeccabile in camicia bianca e cravatta nera, ha rivisitato con particolare ironia il primissimo repertorio gaberiano, da Il Riccardo a Barbera & Champagne, dal Cerutti Gino alla Torpedo Blu, passando per Ma pensa te e Porta Romana. Tra i brani, Iacchetti ha inserito suoi simpaticissimi monologhi originali nella migliore tradizione del teatro canzone. Non sono mancate battute e gag, a cominciare dalla frecciatina alla Juventus, alla cui dirigenza ha consigliato Bertolaso come allenatore. ?Per salvare questa Juve ci vuole la protezione civile!? Ha detto sarcasticamente tra una lettura e l?altra di pagine legate a Giorgio Gaber. Infine ha dispensato anche complimenti alla Calabria, regione che ?adora? e a Lamezia Terme: ?Pensavo che Lamezia Terme fosse il nome di un aeroporto, invece è una bellissima città che mi ha accolto con grandissimo calore anche per strada!? Questo spettacolo di Enzo Iacchetti è davvero una serata-evento in omaggio all?amico e maestro Giorgio Gaber, legata alla pubblicazione dell?omonimo album uscito lo scorso ottobre per la Edel. Fin dalla prima edizione del Festival Gaber di Viareggio, è stato l?insostituibile padrone di casa che ha saputo coinvolgere, con insuperabile entusiasmo, tutti i prestigiosi artisti che in questi anni vi hanno partecipato. ?Ho voluto inserire questo spettacolo nella mia rassegna ? ha sottolineato il promoter Ruggero Pegna ? perché è certamente la novità dell?anno, davvero bello e divertente. Iacchetti è stato bravissimo e la poesia di Gaber rimane una pagina indimenticabile della storia della canzone d?autore italiana. Il Riccio d?Argento di Gerardo Sacco - continuato Pegna - va idealmente anche a Gaber, forse l?unico grande autore italiano non premiato personalmente in Fatti di Musica?. Da parte sua Iacchetti, visibilmente emozionato, ha detto di voler regalare il prestigioso Premio al Museo ?Giorgio Gaber?. ?Lamezia d?Autore?, che si è conclusa con questo appuntamento, è stata organizzata in collaborazione con il Comune di Lamezia Terme. Dopo Enzo Iacchetti, ?Fatti di Musica? proseguirà il 6 aprile al Teatro Garden di Rende con l?unico concerto in Calabria di Carmen Consoli. Avviata intanto anche la vendita dei biglietti per la grandiosa opera musicale ?La Divina Commedia? del 29 e 30 aprile al Teatro Politeama di Catanzaro.
Commenti